JUORNO.it

February 2, 2019

 

 

 

 

 

 

 

 

 

JUORNO.it

-

Pier Paolo Patti a Teheran,

un dialogo possibile con l'ìOriente dell'arte

A cura di Mario Laporta

-

Pier Paolo Patti, videomaker e artista visivo, vincitore del concorso “Artist in residence”, indetto dall’ Istituito Garuzzo per le Arti Visive da Kooshk Residency insieme all’ Ambasciata d’Italia a Teheran e EUNIC, ha avuto l’opportunità di trascorrere un mese a Teheran per dare vita a “Roots”: un’opera che si pone come ponte per il confronto e l’interscambio tra le diverse culture occidentali e mediorientali e che inevitabilmente, affonda le proprie “radici” nel rapporto tra arte, politica e società.

 

Pier Paolo Patti, di cui si ricordano tra le altre due importanti mostre personali come “Skèpsis” e “Abbà” è partito per l’Iran con la curiosità e il desiderio tipico di chi fa ricerca, di chi immagina l’arte come un mezzo di studio e strumento sociale.Il progetto artistico “Roots“ si è posto come obiettivo l’indagine del rapporto tra i diversi Paesi del Medio Oriente e del Mediterraneo, nel tentativo di comprendere meglio e a fondo le questioni che caratterizzano l’età contemporanea, mettendo insieme le riflessioni fatte in un’ottica diversa: un desiderio di speranza attraverso una voce che narri una storia differente, nuova, di pace.Teheran diventa così un primo passo, quasi obbligato, per partire in questa nuova ricerca artistica. Una città piena di contraddizioni, con il fascino dovuto alla sua complessità sociale che lascia spesso spazio alle suggestioni più che alle parole.

 

Teheran è la capitale di un Paese vasto, dalle mille sfumature e interpretazioni, crogiolo di culture millenarie, tradizioni e religioni, essa rappresenta il luogo fondamentale per entrare negli intrecci e negli equilibri che hanno in passato scolpito l’Iran di ieri e influenzano quello di oggi.Paese guida per l’intero Medio Oriente.Questa residenza di un mese in Iran ha rappresentato per l’artista un ulteriore transito per il suo interesse alle interconnessioni geo-politiche e agli aspetti della socialità umana. “Roots” sarà un’opera corale per provare a raccontare in modo diverso la armoniosa coabitazione dei popoli, il rispetto per l’individuo, la pacifica convivenza tra le diverse religioni e le tante culture.Con questo nuovo progetto Pier Paolo Patti vuole coinvolgere chi opera nei diversi territori di questa vasta area geografica, i volontari per esempio o quanti tengono a cuore il valore delle culture e delle persone e lavorano per preservarlo. Le associazioni, le Ong e chiunque, aderendo al progetto, voglia dare un “contributo” da rilegare in dei libri che racconteranno una storia diversa, un modo nuovo di coabitare tra Medio Oriente, Nord Africa, Mediterraneo ed Europa.

 

Con l’intensità del suo rapporto con la memoria e la contemporaneità del mondo, con la sua attitudine “visionaria” e critica allo stesso tempo, Pier Paolo, come è lui stesso a dirci: ha avuto in Iran l’occasione di interagire con una alterità che in Occidente risulta ancora “incomprensibile” e per un artista che lavora da sempre sui cortocircuiti sociali del nuovo millennio – utilizzando l’arte come strumento e credendo che essa sia un veicolo fondamentale per l’emancipazione culturale –Il tema della pacifica coabitazione è terreno fertile per la sua ricerca artistica.Si tratta certamente di un progetto ambizioso con un fine nobile che diventa – attraverso la sua realizzazione – pratica, metodo e divulgazione, azione politica tra i fruitori del progetto, tra i suoi attori e le organizzazioni coinvolte.

 

 

 

Please reload

Search By Tags
Please reload

Recent Posts

September 4, 2020

February 12, 2020

December 13, 2019

November 7, 2019

September 27, 2019

September 23, 2019

February 21, 2019

Please reload

  • Facebook - cerchio grigio
  • Instagram - Grigio Cerchio

roots.artproject@gmail.com

2019 © Pier Paolo Patti