roots.artproject@gmail.com

2019 © Pier Paolo Patti

  • Black Icon Instagram

December 28, 2018

ROOTS #study01

Open studio
-

DEEGAR PLATFORM

Teheran - Iran

28 dicembre 2018 | 16.00 - 21.00

-

Art is a special means for changing people’s thinking and the books are the best way.

Tehran considered like a first step of a large cultural project, with a political and social character that wants to overcome the ideological borders that today are shrinking, multiplying and fragmenting the idea of the future, through the learning and knowledge sharing.

The Project focus is to create books, to rebind pages together, pages which tell different stories, and starting from the Tehran with research of new partner of project.The project target is a library building composed by fragment of different origins and sources; materials used by associations, Ngo and institution working in pacific people’s cooperation’s section.Food wraps, pictures, notes, textiles, photocopies, packaging, fragments of documents, drawings that - bound together in volumes - tell a new story.

The “book” considered as an object gathe...

November 30, 2018

ARTIST IN RESIDENCE 

-

L’artista italiano Pier Paolo Patti e l’iraniana Sadaf Hesamiyan sono i due vincitori del progetto “Artist in Residence 2018” che trascorreranno rispettivamente un mese a Teheran, dicembre 2018 e un mese a Torino, novembre 2018. Un’occasione unica per artisti emergenti di Paesi che da sempre condividono la storia di due grandi civiltà e che avranno la possibilità di confrontarsi in città dove l’arte e la storia generano stimoli e emozioni per creare e dare vita a nuove opere. 

-

Il progetto rientra nel quadro delle iniziative promosse dal cluster EUNIC (EU National Institutes for Culture) in Iran per promuovere i contatti e approfondire gli scambi culturali.

I promotori dell’iniziativa sono l’Ambasciata d’Italia a Teheran e le altre Rappresentanze diplomatiche e istituzioni culturali dei Paesi Europei che partecipano al cluster EUNIC - Iran, l’Istituto Garuzzo per le Arti Visive (IGAV) e la Kooshk Residency. “Artist in Residence 2018” si inserisce nel più ampio proget...

October 2, 2018

UN GIORNO SENZA

A Day Without
-

A cura di Angelo Ricciardi 

Trieste Contemporanea

29 settembre 2018 | 18.30

-
Con l’avvento dei social le informazioni sono aumentate in maniere esponenziale, sono vere e false, danno paradossali risultati di dis-informazione e anti-univocità. In giro c’è troppo. Troppe cose. Una tendenza all'eccesso cui il mondo dell’arte non sembra essere immune.
Il progetto, un giorno dedicato all’assenza di opere svoltosi lo scorso 1. Luglio 2018, che ha visto oltre cento artisti astenersi dal lavoro, prova a porre l’accento sulla necessità di creare un momento di pausa, di riflessione. Un intervallo nel rumore che ci circonda. 

Un giorno senza è stato reso possibile da:

Paolo Aldi, Francesco Aprile, Angelika Arendt, Michele Attianese, Emanuele Benedetti, Paolo Berardinelli, József Bíró, Renata Boero, Elisa Bollazzi Microcollection, Alessandra Borsetti Venier, Keith Buchholz, Roosevelt Burrel, Rolland Caignard, Luis Camnitzer, Francesca Capasso, Kevin Caplicki, Gabriella Ca...

June 7, 2018

SOTTOSUOLI
Profondità della superficie

-

Franco Cipriano - Antonio Davide

Pier Paolo Patti - Ciro Vitale

-

LA METROPOLI SENZA PERIFERIE

STAZIONE CREATIVA - 7 giugno 2018
Spazio MIL - Sesto San Giovanni

-

“Estragone, Allora non venire a rompermi le scatole coi tuoi paesaggi! Parlami del sottosuolo”. S. Beckett Aspettando godot

Se le periferie metropolitane sono i margini di senso della città nel suo ininterrotto procedere verso “le forme della nuda vita” dell’ultimo tempo del moderno, il tempo dell’accadere nella perdita e nell’indistinzione delle esistenze, il sottosuolo della città è periferia verticale della memoria urbana. Il ventre sotterraneo della metropoli napoletana, “vuota” discontinuità dello spazio, abitato dalla memoria di un oblìo disperatamente in cerca di una immagine e di un evento che ne dia senso, in una addensarsi di ri-velazioni di corpi, gesti, parole ignote, incomprensibili, camminamenti verso un immaginato non-dove, da ombre del tempo che sfuggono ad ogni fiss...

April 28, 2018

FOOD AS A SOCIAL MACHINE
Exhibition on the public transport stops

of Samara

-

Organizer:

The Central Volga Branch of the National Centre for Contemporary Arts (NCCA)

Сurator - Nelya Korzhova

-

During the summer of 2017 we are pleased to present the next exhibition of our multi-year project "Street as a museum, a museum as a street". This time, the focus of the project's attention is the theme of food. Food - the first association with the Factory-kitchen, a large mechanized public catering enterprise in the 1930s in the USSR, and now a monument of constructivism in Samara, on the basis of which our branch was established. In the era when kitchen factories were being created, the word "feed" meant also to instill a new idea of the life order. In our time, this trend is gaining momentum again. The main innovations in the distribution of food (as well as other resources) of the last century lie in the field of mechanization and advertising. Factories for making food and its promotion in the mass...

March 16, 2018

WALKTABLE

-

RESTANDO CON I PIEDI PER TERRA,

MA MIRANDO ALDILÀ...
Dialogo tra Stefano Taccone e Pier Paolo Patti

-

WALKTABLE è uno spazio per le idee in movimento dedicato al pensiero critico e al suo rapporto con l'arte. A cura di Aurelio Andrighetto, Ermanno Cristini, Chiara Pergola

-

Stefano Taccone: Nella tua recente mostraAbbà, perdono e inconsapevolezza - curata da Raffaella Barbato ed ospitata presso la galleria napoletana PrimoPiano – sembri evidenziare la ricchezza ma anche la circolarità – « tutto è connesso a tutto », sosteneva Lenin - del tuo retroterra non solo culturale – e tanto meno solo artistico-visivo -, ma anche politico e sociale. Nel tuo sangue scorgo i tenebrosi dipinti del Seicento campano, i loro fortissimi contrasti chiaroscurali che discendono dal pur breve passaggio del Caravaggio a Napoli, ma anche le stridenti giustapposizioni dei “concettuali politici” alla Martha Rosler o alla Hans Haacke. C’è la tradizione giudaico-cristiana d’impronta cattolica – tanto “eredit...

February 24, 2018

TRITTICO DEL DIS/SENSO

-

Franco Cipriano, Pier Paolo Patti e Ciro Vitale

a cura di Franco Cipriano

24 febbraio - 20 marzo 2018,

Tarumbò - via Galileo Galilei 10 - Scafati

-

Che cos’è un libro? Forse uno dei maggiori “anacronismi” del nostro tempo. Un tempo che abbatte i tempi eppure lascia sempre meno tempo. Un tempo in cui è sempre più facile l’accesso alla conoscenza eppure pare sempre più difficile pensare che le nuove generazioni raggiungeranno la stesso livello culturale – oltre che, come si ripete ormai da anni, lo stesso tenore di vita – dei loro padri. Un tempo che tende ad azzerare ogni funzionale supporto materiale per la cultura, eppure è avido di riproporre, dopo averlo superato tecnologicamente, ciascuno di questi supporti. Così oggi vanno tutti pazzi per i vecchi vinili, per i film in super 8 – alla fine del primo decennio del nuovo millennio le grandi biennali d’arte contemporanea cominciano a pullulare di un tale medium –, mentre si moltiplicano anche i libri d’artista, ultimo...

January 28, 2018

TK-21 LaRevue n°78

-

A GLANCE TO THE IMMEDIATE

AND ONE TO THE INFINITE
text of Stefano Taccone

-
«The leitmotiv of the exhibition are basically two» – Pier Paolo Patti explains. First of all «the relationship with the media: since most of the material is purposely “borrowed” from the web – which means that it is broadly available, and the willing to keep or not such information is at users’ choice (when not satisfied by the generalist media)». Second, the whole project is «strongly focused on the geopolitical repositioning of the Middle East, that is - from Christ until today - a continually developing and constantly conflicting geographical area, where the political assets is stuck in a never-ending-change due to the resources, the boundaries, the religions. The issues afflicting that specific part of the world have been basically the same for thounsands of years».Abbà, forgiveness and unawareness, the solo exihibit of Pier Paolo Patti curated by Raffaella Barbato, has been shown at the...

November 14, 2017

ABBÀ

Perdono e inconsapevolezza

-

Personale di Pier Paolo Patti

a cura di Raffaella Barbato

Venerdì 24 novembre ore 18.30,

Galleria PrimoPiano Napoli, via Foria 118.

-

“Abbà, perdono e inconsapevolezza” è il titolo di piena ispirazione e riferimento evangelico della prima personale napoletana di Pier Paolo Patti. La mostra, visitabile fino al 15 gennaio 2018, si inaugura venerdì 24 novembre nei suggestivi spazi della home gallery PrimoPiano di Antonio Maiorino e Massimo Pastore.

Il progetto curato da Raffaella Barbato, nasce come riflessione sullʼattuale condizione di precarietà esistenziale e krisis dei valori di cui lʼuomo è al contempo vittima e carnefice. La mostra è articolatala in tre sale rispettivamente dedicate allʼImmanenza, allʼIncarnazione, alla Trascendenza alle quali lʼartista associa concettualmente il colore nero, rosso e bianco (Nigredo/nero/putrefazione - Rubedo/rosso/sublimazione - Albedo/bianco/distillazione), cromie che fanno riferimento alle trasmutazioni alchemich...

October 20, 2017

DIRITTO AL FUTURO

Dodici artisti italiani alla mostra di San Pietroburgo per il centenario della rivoluzione sovietica

-

MISP - Museo dell'Arte del XX XXI secolo

25 ottobre - 3 dicembre 2017

-

In occasione delle celebrazioni per i 100 anni dalla Rivoluzione d'Ottobre del 1917, dodici artisti italiani espongono le loro opere alla mostra intitolata Diritto al Futuro presso il Museo d'Arte del XX e XXI secolo di San Pietroburgo (Музей искусства Санкт-Петербурга XX-XXI веков).

La partecipazione italiana è promossa dal Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale ed organizzata dall’Istituto Garuzzo per le Arti Visive - IGAV, con la collaborazione del Consolato Generale d’Italia e dell’Istituto Italiano di Cultura a San Pietroburgo.

La delegazione artistica italiana, a cura di Afrodite Oikonomidou, è composta da: Claire Gavronsky, Filippo Leonardi, Paolo Leonardo, Francesco Lopomo, Tito Marci, Nino Migliori, Renzogallo, Sonia Ros, Rose Shakinovsky, Cosimo Veneziano, Ciro Vit...

Please reload